Tutti i mercoledì. Calendario di Terra Madre 16-23 dicembre

13 Dicembre 2020

Amiche e amici, eccoci con – penso – l’ultimo appuntamento del diario di Terra Madre prima delle feste natalizie. Con il 23 dicembre ci fermiamo anche noi, e vi diamo appuntamento a un gennaio in larga parte focalizzato sul tema cibo e salute.

Tuttavia non prendeteci sottogamba: anche questa ultima settimana sarà impestatissima!

Poi, se proprio vi manchiamo, consolatevi coi nostri Come si fa e con le Food Talks.

22 dicembre: Gigi Datome dialoga con Giuseppe Cugusi

Gigi Datome

22/12 h.18:30. Dopo l’incontro tra Claudio Marchisio ed Edoardo Marchisio ecco il nuovo episodio della serie Le cose che abbiamo in comune, pensata per far dialogare mondi apparentemente lontani. Secondo appuntamento della serie Le cose che abbiamo in comune. In questa puntata, un confronto a tre, fra il campione di basket Gigi Datome, la cabarettista e conduttrice televisiva Geppi Cucciari e Giuseppe Cugusi, produttore del Presidio del fiore sardo dei pastori. Il dialogo tra Gigi Datome, Geppi Cucciari e Giuseppe Cugusi si sviluppa intorno al significato dell’essere sardi, su che tipo di relazione i due ospiti hanno con le proprie radici, con la propria terra di origine. Se è un rapporto di amore, basato anche sull’orgoglio per le proprie radici, oppure se è (o se è stato in passato) anche conflittuale, se hanno desiderato scappare dalla Sardegna, se quando sono lontani hanno voglia di tornare.

Seguici in diretta streaming sulla nostra homepage

18 dicembre: Le città che cambiano, l’esempio di Taranto

Taranto

18/12 h.17. Come possiamo rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili? Le città sono le principali responsabili dell’attuale crisi climatica, concentrando inoltre criticità sociali ed economiche. Tuttavia, possono anche essere le principali attrici del cambiamento e questa consapevolezza si sta facendo strada fra le amministrazioni cittadine in tutto il mondo. Sono già moltissime le esperienze che fanno scuola, sperimentando pratiche innovative e un approccio sistemico. Taranto si candida per essere una di queste, partendo dall’immagine del polo industriale che, storicamente, ha puntato tutto sulla monocoltura siderurgica senza riuscire a coniugare lavoro, salute e sostenibilità. Dal 2019 la città sta cercando un riscatto, passando da uno stato di emergenza cronico a un nuovo modello basato su una governance condivisa, orientata alla transizione ecologica e alla realizzazione di nuovi modelli di sviluppo sostenibile.

Segui la conferenza in diretta streaming sulla nostra homepage

Food Talks: due donne impegnate nella denuncia delle ingiustizie

Come sempre, le Food Talks potete seguirle sempre sul nostro sito dal momento della loro pubblicazione. In settimana, vi diamo appuntamento il 16/12 alle 15 con Bela Gil, attivista brasiliana che affronta il tema dell’espropriazione delle terre. Il 17/12 alle 15, invece, sintonizzatevi per seguire Sunita Narain, attivista indiana che esplora il tema del cambiamento climatico e i suoi impatti sulla vita delle persone più povere.

16 dicembre: un triplo appuntamento

Food Wave: anche Torino cavalca l’onda

16/12 h.15:30 Organizzato dall’Ufficio cooperazione internazionale e pace della Città di Torino in collaborazione con l’ufficio Torino creativa e l’ufficio Intercultura e servizi ai giovani, l’appuntamento mira a presentare Food Wave è un progetto coordinato dal Comune di Milano in partnership con 16 autorità locali e 13 organizzazioni della società civile di 16 paesi europei e 1 paese latinoamericano. Il progetto si propone di accrescere la conoscenza, la consapevolezza e l’impegno dei giovani (15 milioni tra i 15 e i 35 anni) su pratiche sostenibili di consumo e produzione di cibo al fine di mitigare gli effetti del cambiamento climatico.

Registrati qui per partecipare all’inconto

Improve your skills: la presenza digitale

16/12 h.17 Ultimo appuntamento con le formazioni intese a migliorare le capacità della rete dei giovani leader Slow Food. Perché è importante consolidare la propria presenza digitale? Quali vantaggi può portare? E quali le principali difficoltà da affrontare per addentrarsi in un mondo vasto e a tratti ostile?

Registrati qui per partecipare all’incontro e fruire del servizio di interpretariato

La scarsità di acqua nell’Europa meridionale

La sostenibilità dei sistemi alimentari è costantemente minacciata dalla scarsità di acqua, in particolare nei paesi dell’Europa meridionale – Spagna, Grecia, Cipro, Italia e Turchia –, dove si prevede un aumento della carenza d’acqua nel prossimo futuro. Non si può negare che sia necessaria una maggiore innovazione per ridurre la scarsità di acqua e ottimizzarne l’uso. È una sfida che copre molteplici aspetti, a partire dalla produzione di cibo in modo più sostenibile, evitando al contempo un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari.

Registrati qui per partecipare all’inontro fruendo del servizio di interpretariato

I Come si fa?

Sempre presenti, e sempre fruibili dal momento della pubblicazione, i Come si fa? vi portano in: Russia, per cucinare il manzo Stroganoff a regola d’arte; Turchia, per osservare la preparazione della pasta di peperoni rossi karaisali. Infine Agugiaro e Figna ci offre un delizioso dolce internazionale, il Paris-Brest, interpretato con un tocco di “emilianità”.

Le mani in pasta: i corsi di cucina con le Cesarine

E come sempre le Cesarine, con un fiume di proposte di corsi online. Impara a cucinare le paste fresche regionali più famose della tradizione italiana con le Cesarine, prenotando una lezione di cucina online interattiva di gruppo. Vere e proprie custodi di un patrimonio enogastronomico sommerso, a dicembre le Cesarine aprono le porte delle loro case – fisicamente e virtualmente grazie ai canali online – per condividere e insegnare, a persone di tutto il mondo, le ricette locali tramandate di generazione in generazione nella propria famiglia, promuovendo un turismo enogastronomico responsabile e i prodotti tipici del territorio.

Scopri tutti i corsi di cucina in calendario e impara a realizzare tortelloni, cavatelli, trofie, farfalle e molti altri formati.

Dedicati ai produttori

Infine, vi segnaliamo due appuntamenti pensati per il mondo della produzione, ma accessibili anche a chi – fuori da quel mondo – è interessato alle tematiche trattate.

Il 16/12 alle 15, l’appuntamento a cura della Camera di commercio di Torino “Business plan: la pianificazione per l’export agroalimentare”. L’appuntamento è finalizzato a comprendere quali siano gli strumenti e le strategie migliori per affrontare i mercati internazionali in modo consapevole. La pianificazione strategica è un processo fondamentale per le imprese che guardano oltre confine per sviluppare il proprio business e che aiuta a definire esattamente ciò che si vuole fare e perché, a verificarne la fattibilità e a redigere un piano per mettere in pratica le azioni necessarie a raggiungere gli obiettivi che ci si è prefissati.

Registrazione necessaria, a questo link

Il 17/12 alle 10:30 il primo di una serie di incontri a cura di MATto, la Materioteca del Politecnico di Torino, dedicati ad approfondire il mondo della ricerca e del progetto intorno al cibo. In particolare, l’appuntamento La ricerca intorno al cibo è pensato per diffondere la cultura politecnica e il ruolo della ricerca all’interno della filiera agro-alimentare e intorno ad essa, al fine di offrire uno sguardo a tutto tondo sul mondo del progetto intorno al cibo, e casi di intervento operativi e concreti a servizio delle imprese a partire proprio dalle attività di ricerca del Politecnico di Torino sul tema.

Registrazione necessaria, entro il 15/12, a questo link

di Wednesday Addams, info.eventi@slowfood.it