Acqua: bene comune

Trasmesso da

Bra, Italy

11 Ottobre ore 11:00 nel tuo fuso orario

Gratuito

11 Ottobre ore 20:30 nel tuo fuso orario

Gratuito

In molti paesi del mondo, l’acqua è diventata oggetto di guerre più o meno silenziose. Guerre che si verificano sia per l’acqua dolce sia per l’acqua salata (e le sue risorse), e tra i confini internazionali.

Gli esempi dell’esproprio o di conflitti sono numerosi: in Cile i fiumi sono privatizzati per offrire risorse idriche alle monocolture di avocado, ma poi anche il Nilo, riserva idrica di molti Paesi africani, il fiume Indo in Pakistan i cui affluenti nascono in India, il bacino fluviale del Giordano e molti altri ancora. In questo forum ci interroghiamo su molti argomenti: come garantire a tutti l’accesso a questa risorsa e come contrastarne la privatizzazione? Come tutelarla attraverso forme efficienti di governance e di gestione?

Le comunità di tutto il mondo confrontano le proprie esperienze.

Questo forum è realizzato con il contributto dell’Unione Europea, progetto Slow Fish Caribe. 

Per rivedere la registrazione della sessione delle ore 11:00 del forum, clicca qui

Per rivedere la registrazione della sessione delle ore 20:30 del forum, clicca qui

La sessione delle 11 (ora italiana)

Modera: Paula Barbeito, biologa marina, responsabile tema Slow Fish per Slow Food

Relatori

  • Tomonori Tasaki (Giappone), presenta un sistema di irrigazione tradizionale a condivisione sociale che fa parte di un’area di produzione del riso unica nel suo genere, designata dalla FAO come Sistema del Patrimonio Agricolo d’Importanza Globale (GIAHS).
  • Aruna Tirkey (India), membro di Indigenous Terra Madre Network in Jharkhand, India
  • Marco Ranocchiari (Balcani occidentali), giornalista esperto di tematiche ambientali, ha seguito da vicino le questioni legate alla privatizzazione dei beni comuni
  • Hafed Ben Moussa (Tunisia), pescatore, referente del presidio sulla pesca artigianale di Kerkennah, grande appassionato e conoscitore di tutte le tradizioni artigianali legate alla pesca nel suo paese

La sessione delle 20:30 (ora italiana):

Modera: Liliana Vargas

Relatori

  • Tumal Orto (Kenya), Indigenous Terra Madre Network, elder del popolo Gabbra, allevatore, esperto in sistemi che possano preservare questa risorsa
  • Amaury Juruna (Brasile), attivo nelle reti Indigenous Terra Madre Network e Slow Food Youth Network in Brasile, la sua comunità è vittima della costruzione della seconda diga più grande al mondo
  • Gonzalo Merediz (Messico), biologo, ha conseguito un master in biologia ambientale presso l’Università Statale di New York, dal 1992 ha partecipato a numerosi progetti legati alla conservazione, allo sviluppo sostenibile e ai cambiamenti climatici a Quintana Roo con l’organizzazione Amigos de Sian Ka’an
  • Horacio Daniel Duk (Argentina), tecnico industriale, con esperienza di lavoro con gruppi di popoli autoctoni nell’area del Chaco Seco, membro della Fondazione Gran Chaco e ACDI
  • Andrea Cisterna Araya (Cile), Comunità Slow Food di Bajo Huasco, agricoltrice, attivista e portavoce del movimento socio-ambientale di Freirina

Altre informazioni

Lingue dell'evento: IT, EN, ES, FR, PT

Evento online

Tag in questo evento

Altri eventi in questo format

Scopri altri eventi simili