Le città che cambiano: l’esempio di Taranto

Trasmesso da

Bra, Italy

Ora locale

17:00

18 Dicembre ore 17:00 nel tuo fuso orario

Gratuito

Le città che cambiano: l’esempio di Taranto e i nuovi ecosistemi per la resilienza urbana.

Come possiamo rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili? I centri urbani, occupando appena il 2% della superficie globale, ospitano quasi il 50% della popolazione mondiale consumando, di fatto, la maggior parte delle risorse disponibili. Le città sono le principali responsabili dell’attuale crisi climatica, concentrando inoltre criticità sociali ed economiche. Tuttavia, possono anche essere le principali attrici del cambiamento e questa consapevolezza si sta facendo strada fra le amministrazioni cittadine in tutto il mondo.

Sono già moltissime le esperienze che fanno scuola, sperimentando pratiche innovative e un approccio sistemico. Taranto si candida per essere una di queste, partendo dall’immagine del polo industriale che, storicamente, ha puntato tutto sulla monocoltura siderurgica senza riuscire a coniugare lavoro, salute e sostenibilità. Dal 2017 la città sta cercando un riscatto, passando da uno stato di emergenza cronico a un nuovo modello basato su una governance condivisa, orientata alla transizione ecologica e alla realizzazione di nuovi modelli di sviluppo sostenibile.

Questa trasformazione è stata avviata con l’approvazione di un documento programmatico denominato “Ecosistema Taranto”, che vara un percorso integrato e multisettoriale focalizzato sulla rigenerazione del patrimonio pubblico, la tutela del bene comune, la riqualificazione degli spazi della comunità. A partire dal caso di Taranto, guardando nel resto d’Italia e dell’Europa, porteremo esempi di risanamento ambientale e riqualificazione urbana, storie di quartieri e città che cambiano volto e destino.

In questo incontro si uniranno diversi sguardi per creare un momento di riflessione sul presente e sul futuro delle città, sui percorsi di rigenerazione urbana che possono trasformare i punti di debolezza in punti di forza.

Il programma

Saluto di apertura: Carlo Petrini, Presidente di Slow Food

Intervengono:

  • Rinaldo Melucci, Sindaco di Taranto
  • Leonardo Becchetti, professore Ordinario di economia politica presso la Facoltà di Economia dell’Università di Roma Tor Vergata, co-fondatore di Next e Gioosto, e consigliere economico del ministro dell’Ambiente. È il più autorevole economista italiano che si occupa di felicità.
  • Elena Granata, professore associato di Urbanistica al Politecnico di Milano, autrice del volume Biodivercity, città aperte, creative e sostenibili che cambiano il mondo per la collana Terrafutura di Slow Food Editore (2019)

Modera: Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità

Questo evento fa parte delle Conferenze online di Terra Madre Salone del Gusto. Puoi seguire questa conferenza connettendoti al link dell’evento e in homepage il 18 dicembre alle 17.

 

Altre informazioni

Lingue dell'evento: IT

Evento online

Tag in questo evento

Altri eventi in questo format

Scopri altri eventi simili