Slow Meat: un altro allevamento è possibile

Trasmesso da

Bra, Italy

20 Marzo ore 17:00 nel tuo fuso orario

Gratuito

Conservano antiche razze locali, hanno a cuore il benessere dei loro animali, conoscono i territori in cui vivono e se ne prendono cura, sanno che alla base di un cibo di qualità c’è una buona agricoltura e un allevamento praticato con rispetto.

L’allevamento industriale negli ultimi 70 anni ha messo a rischio la loro sopravvivenza proponendo in alternativa un modello produttivo che ha inquinato falde, impoverito i suoli, causato sofferenze agli animali, ridotto la biodiversità, consumato grandi quantità di acqua, prodotto una pessima carne, distrutto foreste per produrre mangimi. Presentando oggi un conto salatissimo.  

Nel forum di Terra Madre si incontrano allevatori di tutti i paesi del mondo, accomunati dal desiderio di scambiare esperienze, imparare, condividere una visione, e dimostrare che allevare bene e con rispetto è possibile.

Evento a partecipazione gratuita su registrazione.

Per rivedere la registrazione dell’incontro, clicca qui

Intervengono:

  • Björk Bjarnadóttir, Islanda, pecialista in scienze e tradizioni dell’ambiente, vive e lavora presso la fattoria Brennholt, a Mosfellsdalur, dove alleva la Landnámshæna, antica razza avicola islandese. È parte del Presidio che tutela questa razza autoctona.  
  • Stefano Chellini, Italia, agronomo, presidente della Cooperativa Monte di Capenardo con sede a Davagna, vicepresidente di Aiab Liguri. Alleva bovini di razza limousine e suini di cinta senese in regime di agricoltura biologica e allo stato brado. 
  • Christian Aguerre, Francia, allevatore di suini di razza basca Kintoa allo stato brado, referente dei produttori del Presidio Slow Food che preserva e valorizza questa razza autoctona. Alleva anche galline ovaiole al pascolo, coltiva il mais grand roux e il peperoncino dolce dei Paesi baschi e del Seignanx (Presìdi Slow Food). 

Modera: Jacopo Goracci, Italia, zootecnico, direttore della Tenuta di Paganico. È il referente del Presidio Slow Food della razza bovina maremmana e collabora con Slow Food alla campagna Slow Meat.   

Cover image: Alberto Peroli / Archivio Slow Food

This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement N°816172″ (Art. 29.4 of the Grant Agreement)

Altre informazioni

Lingue dell'evento: IT, EN, ES, FR

Evento online

Tag in questo evento

Altri eventi in questo format

Scopri altri eventi simili