Tutti i mercoledì. Il diario di Terra Madre: 27 gennaio – 3 febbraio

25 Gennaio 2021

Dopo un inizio un po’ timido e tutto sommato ancora rilassato ecco che a cavallo di gennaio e febbraio gli appuntamenti di Terra Madre ricominciano a un ritmo forsennato.

Allacciate le cinture, perché le segnalazioni e le proposte sono davvero moltissime!

Ecco cosa ci riserva il nostro palinsesto tra fine gennaio e inizio febbraio.

27 gennaio h. 11:30 – L’agricoltura biologica in Piemonte

Regione Piemonte ha sviluppato una vetrina web innovativa per le aziende che praticano l’agricoltura biologica e i consumatori. L’agricoltura biologica è un metodo di coltivazione che ha come obiettivo il rispetto dell’ambiente e degli equilibri naturali, della salute dell’operatore, del consumatore e degli animali. In Italia, l’agricoltura biologica è in crescita, con una superficie coltivata di quasi due milioni di ettari. In Piemonte, nel 2019 erano circa 3000 gli operatori biologici, di cui circa 2500 classificati come produttori, per una superficie coltivata di circa 50.000 ettari. Scopriamo il funzionamento del portale, le possibilità di aggiornamento da parte delle aziende e i numerosi percorsi di navigazione che si aprono per il consumatore assieme ad alcune aziende agricole biologiche piemontesi.

Scopri di più e registrati a questo link per partecipare

27 gennaio h. 17 – Il forum: L’equazione impazzita del miele

miele

Parliamo di equazione impazzita perché il mondo dell’apicoltura fa i conti con inquinamento, pesticidi, crisi climatica. Si registrano produzioni sempre più basse, mentre sul mercato la disponibilità di miele cresce e i prezzi diminuiscono. Ci sarebbe da scomodare una commissione di esperti economisti, non fosse che la variabile causa di questa equazione impossibile, è tanto facile da indicare quanto è difficile da riconoscere. Come ci si tutela dai tentativi di contraffazione del miele? Quali strumenti mette a disposizione la tecnologia e quali accorgimenti possiamo adottare per riconoscere un vero miele? In questo forum ne parliamo con produttori, esperti di analisi sensoriale e professionisti della ricerca.

Scopri di più e registrati a questo link per partecipare

28 gennaio h. 16 – L’incontro Pillole di sostenibilità

Sostenibilità economica

Attuare una strategia di sostenibilità in ambito economico, sociale e ambientale è un imperativo categorico per ogni organizzazione che guardi al futuro. Una strategia di sostenibilità genera vantaggi che aumentano l’economicità e la competitività delle aziende mitigando i rischi finanziari e non finanziari, agevolando la gestione dei rapporti con la pubblica amministrazione, facilitando l’accesso al mercato del credito e alle risorse finanziarie. Al primo incontro organizzato dall’Ordine dei commercialisti e degli esperti contabili di Torino partecipa, tra gli altri, Carlo Petrini.

Scopri di più e collegati a questo link per assistere all’incontro

29 gennaio h. 17 – La formazione sul packaging

packaging

Slow packaging, istruzioni per l’uso. Come scegliere un imballaggio, buono pulito e giusto? Purtroppo, fare la giusta scelta in merito al packaging non è sempre facile perché i fattori in gioco sono molti. Come sappiamo, l’imballaggio può conservare le caratteristiche organolettiche ed estendere la vita del prodotto che contiene, diventando un importante alleato contro lo spreco alimentare. Inoltre, la confezione è il primo veicolo dei valori del prodotto e del produttore. Proprio come per il cibo però, gli imballaggi possono provenire da filiere e lavorazioni diverse ed è importante considerarne le implicazioni etiche ed ambientali. Questo, a maggior ragione, per i Presìdi Slow food e per i prodotti venduti nei Mercati della Terra. È possibile quindi trovare il punto di equilibrio fra coerenza e funzione dell’imballaggio? Certamente.

Scopri di più e collegati a questo link per assistere all’incontro

30 gennaio h. 11 – La conferenza “Dalla dieta mediterranea ai naturali” inaugura tre settimane dedicate al tema cibo e salute

dieta mediterranea

Ricercatori e scienziati di tutto il mondo sono concordi nel sostenere il valore nutrizionale della dieta mediterranea. Alla base della piramide alimentare quantità abbondanti di frutta e verdura, pane e cereali, una riduzione delle proteine di origine animale a favore di quelle vegetali, e consumo quotidiano di olio extravergine di oliva come condimento. Ma è sufficiente parlare di pane in senso generico? Tutti gli oli sono uguali? Quale scegliere per ottenere tutti i benefici possibili per la salute? Basta parlare di frutta e verdura, senza tenere in considerazione il metodo di coltivazione e i trattamenti chimici fatti in campo? Gli ibridi hanno le stesse caratteristiche nutrizionali delle varietà autoctone?

Secondo Slow Food, è necessario andare oltre il semplice concetto di dieta mediterranea e preoccuparci della salubrità dei cibi. Preoccuparci, prima di tutto, che i cibi siano naturali, ovvero coltivati o allevati nel rispetto delle risorse naturali, privi di additivi, conservanti, starter, fermenti, coloranti, antiossidanti, lieviti industriali. Questo è il primo di una serie di contenuti sostenuti dal partner Reale Mutua che comprenderanno forum, conferenze e Food Talk. Nei prossimi giorni forniremo maggiori dettagli al riguardo.

Scopri di più e registrati a questo link per assistere all’incontro con interpretariato

30 gennaio h. 18 – Il Laboratorio del Gusto sui rossi friulani

Chi si è iscritto per tempo, potrà partecipare al Laboratorio del Gusto sui rossi friulani.

I Come si fa? – Dalle ricette tailandesi ai formaggi francesi ai cocktail messicani

Continua imperterrita la nostra serie dei Come si fa? sempre disponibili sul nostro sito. In settimana vi segnaliamo tante gustose ricette: il 26 gennaio alle 17, il pesce si’ ma o app la secondo la tradizione del popolo akha nel nord della Tailandia; il 28 gennaio alle 17, la preparazione del camembert fermier naturale, Presidio Slow Food; il 29 gennaio alle 17 il cocktail Paloma, il più consumato in Messico.

La Food Talk – Il granchio nero dei Caraibi

Sul fronte Food Talk, invece, i 28 gennaio alle 15 Gloria McNish riflette sul futuro di una risorsa importantissima per la gente di Providencia. Per capire se stiamo trattando una risorsa con il dovuto rispetto, basterebbe porci una domanda: i nostri figli, le generazioni future potranno goderne? Se stiamo sovrasfruttando una risorsa, è probabile che chi succederà a noi, non potrà averla a disposizione. Il discorso di Gloria Minsch è un discorso sul granchio nero di Providencia, ma potrebbe applicarsi al salmone, al merluzzo, alle foreste…

Fino al 28 febbraio – La On my plate challenge

Buono Good

Prosegue per altre cinque settimane la sfida On My Plate inaugurata il 18 gennaio, sui temi del buono, pulito e giusto. On My Plate è l’occasione più bella per:

  • Connetterci con altre persone a livello locale, nazionale e globale che hanno a cuore la creazione di un mondo migliore attraverso il cibo.
  • Imparare di più sul cibo buono, pulito e giusto.
  • Agire insieme e condividere le esperienze con tanti attivisti in tutto il mondo.
Connettiti qui per scoprire su cosa ci misuriamo le prime due settimane e qui per saperne di più sulla sfida in generale

Le mani in pasta: i corsi di cucina con le Cesarine

E come sempre le Cesarine, con un fiume di proposte di corsi online. Impara a cucinare le paste fresche regionali più famose della tradizione italiana con le Cesarine, prenotando una lezione di cucina online interattiva di gruppo. Vere e proprie custodi di un patrimonio enogastronomico sommerso, a dicembre le Cesarine aprono le porte delle loro case – fisicamente e virtualmente grazie ai canali online – per condividere e insegnare, a persone di tutto il mondo, le ricette locali tramandate di generazione in generazione nella propria famiglia, promuovendo un turismo enogastronomico responsabile e i prodotti tipici del territorio.

Scopri tutti i corsi di cucina in calendario e impara a realizzare tortelloni, cavatelli, trofie, farfalle e molti altri formati.

di Silvia Ceriani, info.eventi@slowfood.it