Pacersen Bis, Coltivare il futuro

“Quest’azienda è molto importante per la comunità e per chi ci lavora. È stata per noi, in qualche modo, una scuola. Ai giovani consiglio di credere nel proprio Paese. Cosa mi manca dell’Italia? Gli amici”
– Cheikh Ahmed Wone, Presidente dell’azienda agricola di Baila Taif (DB) e beneficiario del progetto PACERSEN Bis

 

  • 29 aziende agricole moderne
  • 1480 nuovi posti di lavoro
  • 70 GIE strutturati (Gruppi di interesse economico)
  • 790 giovani agricoltori formati
  • 5 regioni del Senegal coinvolte (Regioni di Louga, Diourbel, Fatick, Kaffrine e Tambacounda)
  • 220 ettari di superficie irrigua strutturati
  • 1 scuola di agricoltura aperta
  • 20 km di piste realizzate
  • 30 chioschi di commercializzazione distribuiti
  • 10 trattori e 5 tricicli forniti
  • 10 PMI di servizi in agricoltura create

Questi in sintesi il numeri del Pacersen Bis, il progetto di sostegno alla riduzione della migrazione, attraverso la creazione di Naatangués e Waar Wi (in lingua wolof), le fattorie agricole comunitarie e individuali nelle regioni ad alto potenziale migratorio.
L’iniziativa finanziata, per 10 milioni di euro, dall’Unione Europea, mira a garantire un lavoro e un reddito stabile a donne e uomini che altrimenti potrebbero decidere di intraprendere il viaggio via mare verso l’Europa.

 

Diverse le tipologie di aziende agricole diventate realtà sul territorio senegalese.

  • Aziende comunitarie (Fermes villageoises Naatangué): 23 in tutto, di dimensioni tra i 15 e i 20 ettari. Cinque sono dotate di stalle, latteria, area sanitarie e area per i vitelli. A loro sono state destinate 40 mucche da latte gravide, mentre per altre undici aziende si è puntato sull’allevamento avicolo con pollai tra 100 e i 2000 soggetti per un totale di 4500 polli.
  • Di dimensioni più ridotte le strutture denominate Fermes Waar Wi, dieci piccole aziende individuali residenziali, dotate di un ettaro coltivabile ciascuna, destinato a culture irrigue e all’orticoltura, di un pollaio di 100 polli, riunite intorno a infrastrutture produttive e di vita comune (pozzo profondo, sistema energetico misto, cabina di pompaggio, area di stoccaggio, area di riunione, area di preparazione e condivisione pasti).
  • L’azienda scuola di 10 ettari, dotata di aule e di un pollaio realizzata in partenariato con il Centro di formazione professionale “Don Bosco” dei Salesiani di Tambacounda per offrire possibilità di praticantato e di primo lavoro ai giovani studenti dell’ultimo anno.

 

L’intervento, della durata totale di poco più di 4 anni (gennaio 2017-febbraio 2021), ha visto la collaborazione di Aics, l’Agenzia italiana per la cooperazione e lo sviluppo (Pacersen bis), Agenzia Spagnola di Cooperazione Internazionale allo Sviluppo (Aecid-Componente Pacersen), che amministra un importo uguale di 10 milioni di euro ed interviene nelle 3 regioni meridionali di Kedougou, Sedhiou e Kolda. Per la messa in opera delle attività, entrambe le Agenzie europee hanno beneficiato dell’esperienza e delle competenze dell’Agence Nationale d’Insertion et Développement Agricole (Anida) del Ministero dell’agricoltura senegalese.

Contatti

TEL: + 221 33 822 87 11

Info

69, Rue Jacques Bugnicourt
18521 Dakar (Senegal)
Senegal

Ultima modifica: 23 Set 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina