Il gusto delle origini. Dal 1890 a latte crudo.

Patto di fiducia con il territorio
Alla fine del XIX secolo, il primo Francesco Rabbia, fondatore del caseificio, allora una piccola bottega artigiana, era già attivo nella produzione di tome. Da quel tempo, è stato siglato un patto di fiducia con il territorio: la pianura, ai piedi del Monviso, assicura a vacche, pecore e capre i migliori pascoli. La Valle Grana, in provincia di Cuneo, dove i formaggi stagionano, garantisce aromi e profumi unici.

Dal 1890 in caldaie di rame
Battute a mano e forgiate secondo la tradizione casearia. Sono tre le caldaie di rame di proprietà del Caseificio Francesco Rabbia dove, oggi come allora, sono formate le tome piemontesi. Su ognuna di questa, è perfettamente conservata la targa che indica la data in cui il rame è stato modellato. La più antica risale al 1840, quando il primo Francesco Rabbia la scelse per il suo lavoro.

Di mano in mano: solo tele di lino
Come i grandi sarti, il Caseificio Francesco Rabbia ha scelto solo il lino. Le tele avvolgono e fasciano ogni toma. Sono i casari che massaggiano e si prendono cura del formaggio che verrà. La pratica è esclusivamente manuale e, dalla cagliata, ogni forma che sarà si caratterizza per un’impronta unica. I solchi delle dita e delle mani sono segni distinguibili di un vero lavoro artigiano.

La qualità si scopre a crudo
Solo il latte crudo. Per preservare il gusto delle origini, il Caseificio ha scelto di lavorare il latte senza sottoporlo ad alcun trattamento termico. Ciò che caratterizza le tome Piemontesi Francesco Rabbia sono i gusti naturali della campagna, gli stessi che gli animali trovano nella loro razione giornaliera. Tutti i formaggi sono reale espressione, declinazione e coniugazione dei profumi della natura e di una storia lunga più di 130 anni.

Contatti

TEL: +39 3403636237

Info

Via Beato Pietro, 2
12030 Ruffia (CN)
Italia

 Dal 1890 in provincia di Cuneo, nel distretto del formaggio. Secondo l’antica tradizione casearia. Rigorosamente a latte crudo.

Il Caseificio Francesco Rabbia è profondamente radicato sul territorio piemontese. Da oltre 120 anni, è impegnato nella valorizzazione dell’arte casearia e nella salvaguardia delle antiche ricette. Oggi, come allora, produce formaggi artigianali a latte crudo ed in caldaie di rame. La trasformazione è opera esclusiva dell’ingegno e del lavoro dell’uomo, con fasciatura manuale in tele di lino. I formaggi, espressione del territorio, raccontano i sapori di una volta.

Ultima modifica: 26 Gen 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina