I comuni di Cureggio e Fontaneto sorgono nella piana compresa tra i fiumi Agogna e Sizzone, nella provincia di Novara. La presenza di numerosi fontanili e un terreno morenico e sabbioso rendono questo territorio fertile e ricco di hummus specialmente adatto alla coltivazione della cipolla.

La tradizione racconta che nel secolo scorso i produttori della zona andassero quotidianamente alla stazione ferroviaria di Cureggio a spedire le loro cassette di cipolle, rigorosamente marchiate con il nome della stazione di provenienza, destinate ai mercati di Milano e Torino. Col passare del tempo e a causa di un significativo spostamento delle produzioni del territorio da agricole a industriali durante gli anni del boom economico, la locale cipolla stava andando via via scomparendo.

Grazie alla tesi di una studentessa americana, alla dedizione di alcuni giovani agricoltori, all’impegno e al coordinamento della associazione Proloco di Fontaneto d’Agogna, si è pian piano ricominciato a coltivarla facendola diventare il primo Presidio Slow Food della provincia di Novara nel mese di Giugno del 2013.

Oggi la Cipolla Bionda di Cureggio e Fontaneto viene coltivata rigorosamente nel territorio dei due comuni da una ventina di piccoli produttori, riuniti nell’associazione “La Bionda di Cureggio e Fontaneto”, secondo un disciplinare concordato con l’Ufficio Presìdi Italiani di Slow Food.

La cipolla è di colore biondo dorato, ha una dimensione medio-grande e una forma rotonda leggermente appiattita. Sua caratteristica fondamentale è l’estrema dolcezza e la poca acidità che, unite a una ricchezza di umori, la rendono delicata e particolare.

La cipolla ha un ciclo colturale molto lungo. La semina avviene in vivaio da dicembre a febbraio durante la luna calante, il trapianto ad aprile/maggio e la raccolta manuale a luglio/agosto, e una volta raccolta e asciugata al sole, si può conservare per alcuni mesi.

Il suo gusto dolce e armonico si esalta nei piatti tipici della cucina locale di tradizione contadina soprattutto cucinata con la carne nella rustìdä, nella frütùra e nel tapulòn.

Contatti

TEL: +39 335 7291284

Info

Piazza Unità d’Italia
28010 Fontaneto d’Agogna (No)
Italia
cipolla bionda di cureggio e fontaneto

Leggi tutto

I prodotti di
Cipolla bionda di Cureggio e Fontaneto

Esplora tutti i nostri prodotti su Foodscovery, lo spazio dedicato all'e-commerce

I produttori

Il gruppo dei produttori del Presidio è riunito nell’Associazione “La Bionda di Cureggio e Fontaneto”: Agriturismo La Capuccina, Maura Barcellini, Simona Cerri e Oscar Temporiti, Silvio Colombi, Massimo Tullio Delle Donne, Giorgio Fontaneto e Domenico Severico, Carla Galli, Mattia Giustina, Carlo Masseroni, Paola Platinetti e Stefano Barbaglia, Luigi Platini, Ivano Platini, Paula Recchia, Aiman Riahi, Eraldo Teruggi, Pietro Luigi Teruggi, Savio Teruggi e Giuseppe Valsecchi, Stefano Zanetta.

Carlo Masseroni è il referente dei produttori del Presidio e presidente dell’associazione produttori, Luca Platini è il responsabile Slow Food del presidio, mentre Eraldo Teruggi è il responsabile commerciale marketing dell’associazione.

Il gruppo partecipa a diversi eventi sul territorio soprattutto durante la stagionalità della cipolla bionda, vale a dire nei mesi di settembre e ottobre, contribuendo insieme alla Pro Loco di Fontaneto e alla Condotta Slow Food delle Colline Novaresi all’organizzazione della Fiera, un evento tanto atteso che ogni anno al terzo weekend del mese di settembre richiama in centro a Fontaneto moltissimi gourmet, famiglie e appassionati cercatori di prodotti tipici. La Fiera quest’anno si è svolta nel rispetto dei protocolli anti-Covid, coinvolgendo una rete di 24 ristoranti del territorio che in quei giorni hanno messo in carta la bionda.

Ultima modifica: 26 Set 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina