Il Cioccolato dei Trappisti fu creato nel 1884, nei pressi delle Catacombe di San Callisto, a Roma, da alcuni monaci trappisti olandesi. Nel 1947 la produzione venne trasferita nell’attuale sede di Frattocchie di Marino, all’interno dell’Abbazia Nostra Signora del Santissimo Sacramento.
Il Cioccolato dei Trappisti è prodotto oggi secondo la stessa antica ricetta monastica, utilizzando gli stessi ingredienti con gli stessi tempi di lavorazione, fase per fase, lavorando ancora con macchine d’epoca e modellando infine a mano.

Per produrre il nostro speciale Gianduia, ad esempio, si utilizza solo latte intero e la pasta di nocciole è prodotta direttamente in fabbrica al momento. O ancora, il nostro nuovo Extra Fondente Amaro al 90% di cacao, premiato al CIBUS 2019 di Parma come uno dei 100 migliori prodotti italiani più innovativi dell’anno, è frutto di dosaggi e tempi di lavorazione tali da renderlo un amaro “amabile” (acidità quasi inesistente e particolare scioglievolezza).

Tutte le materie prime quindi sono rigorosamente selezionate, il cacao utilizzato è prevalentemente una pregiata qualità di Trinitario e la nocciola scelta è la famosa nocciola Gentile Romana DOP (terreno vulcanico), utilizzata solo con tostatura speciale, come previsto dall’antica ricetta monastica.

L’antica fabbrica del Cioccolato dei Trappisti, grazie anche a un recente profondo e attento restauro, è oggi un sito di archeologia industriale perfettamente conservato e pienamente operativo, visitato da scuole, amatori, consumatori ed esperti di settore, nell’atmosfera di un’autentica Fabbrica Museo.

Contatti

TEL: +39 069300219

Info

Via Costa Rotonda, 2 fraz. Frattocchie
00047 Marino (RM)
Italia

Il nostro Cioccolato è ancora oggi impastato alla pietra, passa attraverso una fase di concaggio che dura fino a 48 ore ed è infine modellato a mano.

I prodotti di
Il Cioccolato di Roma Srl

Esplora tutti i nostri prodotti su Foodscovery, lo spazio dedicato all'e-commerce

Ultima modifica: 26 Feb 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina