Lenticchia di Villalba

Presidio Slow Food
La prima testimonianza scritta di questa coltivazione nel territorio di Villalba viene riportata dallo scrittore Giovanni Mulè Bertolo nel libro Memorie di Villalba edito nel 1900, ma la coltivazione della lenticchia di Villalba era già storicamente presente nell’area. Appartiene, come quella di Altamura, alla tipologia a seme grande (macrosperma), tipica delle aree temperate.

Il periodo di massima produzione a Villalba si è avuto tra gli anni Trenta e i Sessanta del secolo scorso, quando circa il 30% della produzione italiana arrivava dalla Sicilia e in particolare proprio da questo paese in provincia di Caltanissetta. La lenticchia di Villalba era particolarmente richiesta per le sue qualità organolettiche ma anche per la preferenza che il mercato riservava in quel periodo alle tipologie a seme grande.

Successivamente, il costo della manodopera e le rese limitate hanno costretto molti coltivatori ad abbandonare la coltivazione. Inoltre, il mercato si è sempre più orientato verso una riduzione del consumo di legumi e, al tempo stesso, a un aumento del consumo di lenticchie a seme piccolo, favorite anche da un minore tempo di cottura.
Altro fattore cruciale che ha causato la diminuzione delle coltivazioni è stato l’aumento dell’importazione di legumi esteri a prezzi notevolmente inferiori.

La ripresa si è avuta solo dagli anni Novanta grazie all’interessamento del CNR di Bari che ha fatto emergere le sue caratteristiche notevoli: dalle sue analisi è emerso che la lenticchia di Villalba si caratterizza per l’elevata percentuale di ferro (talvolta oltre i 10 mg per 100 grammi di prodotto) e proteine, unito a un basso tenore in fosforo e potassio.

La coltivazione, a semina autunnale, avviene su terreno arato superficialmente e seminato a file distanti 80 cm circa. La raccolta si esegue manualmente a metà giugno, le piante sono raggruppate in piccoli fasci e lasciate essiccare all’aria aperta per 5-8 giorni fino alla separazione del seme, che è eseguita meccanicamente.

 

Stagionalità

La lenticchia si raccoglie a metà giugno e una volta essiccata è reperibile tutto l’anno

Contatti

TEL: 328 9607153 Filippo Calafato Referente dei produttori del Presidio

Info

Area di produzione É coltivata nel territorio del comune di Villalba e in parte dei comuni di Mussomeli, Marianopoli, Vallelunga e Cammarata
Provincia di Caltanissetta ()
Italia

Slow Food, che l’ha segnalata sull’Arca del gusto già dal 2007, ha avviato nel 2012 il Presidio, che riunisce le associazioni dei 23 produttori locali: il Consorzio volontario di tutela della lenticchia di Villalba e l’associazione dei produttori di lenticchia di Villalba.

Nel comune di Villalba, dove da sempre l’economia locale è basata sull’agricoltura, la coltivazione della lenticchia e del pomodoro, in rotazione al grano duro, costituiscono il fulcro dell’economia locale. Il Presidio valorizza questa risorsa, che potrebbe diventare un volano per la microeconomia locale.

 

Produttori
  • Associazione dei produttori delle Lenticchie di Villalba, Contrada Finaita, Tel. +39 328 9607153 / +39 333 2071015, filippocalafato@libero.it

Ne fanno parte:
Filippo Calafato, Fattoria Di Gesù di Francesco Di Gesù, Calogera Ferrara,
Dario Ferrara, Giovanna Ferrara, Graziella Saia di Villalba (provincia di Catanissetta)

ELENCO PRODUTTORI:

Calafato Filippo filippocalafato@libero.it / calafatofilippo@gmail.com

Tatano Giuseppe p.tatano@libero.it

Iucolino Giuseppe peppeiuco@hotmail.it

Iucolino Giuseppe (24/08/1995) giuseppeiucolino@icloud.com

Di Gesu Francesco fattoriadigesu@gmail.com

Ferrara Dario

Cipolla Ettore torecipo@yahoo.it

Ricottone Giuseppe giuseppericottone@libero.it

Catalano Angelo aziendacatalano@gmail.com

 

Ultima modifica: 26 Ott 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina