Mieli di alta montagna alpina

Presidio Slow Food

Miele di rododendro, miele di millefiori e melata di abete: sono questi i tre mieli dell’arco alpino. Produzioni difficili: una buona stagione (ogni quattro, cinque anni) offre poche centinaia di quintali. Si noti che soltanto il nettare bottinato al di sopra dei 1500 metri dà miele “d’alta montagna”.

  • Per il millefiori le piante coinvolte sono davvero tante: rododendro, campanula, lupinella, trifoglio, lampone, timo serpillo… È un prodotto splendido e delicato, sempre diverso, da zona a zona e da un anno all’altro. Ha colore molto chiaro, che diventa bianco nel prodotto cristallizzato.
  • La melata d’abete non si fa tutti gli anni. Le api si nutrono del liquido resinoso prodotto dagli afidi, alimentati a loro volta dalla linfa dell’abete bianco. La melata di abete ha colore molto scuro, quasi nero, con una leggera fluorescenza verdastra. L’odore è leggermente resinato e può ricordare il legno bruciato e lo zucchero caramellato; il sapore è maltato, caramellato, aromatico, con note resinose di fumo. In bocca è meno dolce dei mieli di nettare.
  • Il miele di rododendro è particolarmente raro e prodotto quasi esclusivamente nel nostro Paese. Fresco e raffinato, ha un nome evocativo e proviene da una pianta molto bella e conosciuta. Si presenta con sfumature giallo ambrate, rossicce e anche più scure a seconda della fioritura.

Nell’abbinamento con i formaggi il miele non deve essere cristallizzato (nel caso, immergete il barattolo a bagnomaria in acqua tiepida permettendone la liquefazione). La melata, intensa e balsamica, regge bene formaggi di media stagionatura; il miele di rododendro e il millefiori – più dolci – accompagnano meglio formaggi piccanti: pecorini molto stagionati ed erborinati non troppo potenti.

Contatti

TEL: +39 3497334891

Info


Alpi lombarde (BS)
Italia

Quando portare gli animali al pascolo era la norma, quando la transumanza era diffusa e regolare, anche le api ne traevano vantaggio. I pascoli venivano curati e puliti a tutto beneficio non solo degli animali, ma anche della vegetazione. Oggi la montagna si è spopolata, i pascoli sono meno curati e gli arbusti migliori non trovano più spazio. Ma c’è pure un “dritto” della medaglia: la montagna poco servita, con poche strade e poco abitata, è anche poco inquinata e gli ambienti incontaminati garantiscono produzioni di alta qualità, sebbene scarse.

Il Presidio si propone di valorizzare e rilanciare i mieli di alta montagna, frutto di un duro lavoro dell’apicoltore che si muove nomade tra le fioriture della montagna. Il nomadismo in alta montagna è oggi una pratica poco praticata, con produzioni sempre a rischio e spesso più scarse rispetto all’apicoltura stanziale, ma che offre prodotti eccellenti e di altissima qualità.

Stagionalità
La produzione di miele di alta montagna avviene esclusivamente in estate, ma il miele è reperibile sul mercato tutto l’anno.

Produttori

Luca Bonizzoni, Casteggio (Pv) Strada Madonna 33, tel. +39 0383 805452, info@lucabonizzoni.it, www.lucabonizzoni.it

Del Sampì di Mirella e Lodovico Valente, Botticino Mattina (Bs), Via Sampì 26, tel. +39 030 2693687 / +39 333 8497537,  info@apicolturasampi.it, www.apicolturasampi.it

Ferraresi di Gianpaolo Ferraresi, Ospitaletto (Bs) ,Via Martiri della Libertà 143, tel. +39 030 642658 / +39 347 5162833,
apicolturaferraresi@alice.it

Fumagalli di Raffaele Fumagalli, Perego (Lc) Via San Pietro, 2, tel. +39 039 5310298 / +39 348 3122916, raffaele.fumagalli@tiscali.it

Angela Pizzamiglio, Verolanuova (Bs) Via Donatori di Sangue 5, tel. +39 333 517678, bresciani.piero@libero.it

Zipoli, Romanengo (Cr), Via Roma 4, tel. +39 0373 72462 / +39 333 3722276, apicolturazipoli@hotmail.it, www.apicolturazipoli.it

Apicoltura Frattini di Frattini Diego, Varese, Via Brunico 42, tel. +39 0332 974538, apicolturafrattinidiego@hotmail.it

Conti Andrea, Edolo (Bs), Via Cinque Martiri 1, andreaedolo@gmail.com

Martino e le api di Martino Mazzola, Erba (Co), Via Lodorina 20, tel. +39 334.1143820, info@martinoeleapi.it, www.martinoeleapi.it

Ultima modifica: 17 Set 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina