La coltura dell’olivo in Versilia, e in particolare nella Piana Quercetana, ha avuto nel corso dei millenni un’importanza primaria nell’economia locale imprimendo anche al paesaggio caratteristiche precise.

Nel medioevo la Piana di Querceta, grazie alla sua conformazione morfologica (è un altopiano), non subì il fenomeno dell’impaludamento come le altre zone costiere della Versilia e mantenne in buona parte le tradizionali colture d’olivo, oggetto anche all’epoca di un contenzioso tra pisani e lucchesi che si affrontarono in una terribile battaglia proprio su questo territorio. L’olio della Versilia infatti serviva ai pisani come merce di scambio per i loro commerci con gli arabi e aveva addirittura valore di moneta.

L’olivo quercetano è una pianta vigorosa con un caratteristico andamento verso l’alto del tronco e con i rami giovani penduli. Le foglie sono lunghe e strette, di colore verde lucente. L’oliva è piccola, di forma ovoidale leggermente allungata in punta. Questa varietà viene usata da sempre principalmente per la produzione di olio. Anche se la sua produttività non è sempre costante e ad annate buone si succedono annate molto scarse, tuttavia la qualità dell’olio è sempre eccellente.
Acausa delle piccole dimensioni delle olive e del rapporto polpa-nocciolo sfavorevole rispetto ad altre varietà, l’oliva quercetana è attaccata in ritardo dalla mosca delle olive e quindi consente di ottenere una qualità migliore a parità di data di raccolta.

L’olio ha un aspetto limpido o leggermente velato e colore verde oliva dorato. È mediamente fruttato e delicato, con un giusto equilibrio tra l’amaro e il piccante, ricco di sentori che richiamano l’erba fresca tagliata e le erbe aromatiche.

Contatti

TEL: +39 0584768882 / +39 3288740441

Info

Via Corrado del Greco, 11
55047 Seravezza (LU)
Italia

Gli oliveti quercetani secolari rischiano oggi l’estinzione: l’urbanizzazione legata al turismo sta velocemente riducendo la superficie coltivata facendo scomparire le olivete ultracentenarie e costringendo le sopravvissute in piccoli fazzoletti di terra tra le case.
Oggi sono solo una sessantina gli appezzamenti coltivati a quercetano, alcuni produttori in passato hanno infatti sostituito il quercetano con ulivi più produttivi.
L’olio di quercetano in purezza è una rarità
, prodotto da pochi olivicoltori.

 

Il Presidio ha riunito in un’associazione i produttori che preservano le olivete storiche e che producono olio monovarietale di quercetano. La produzione segue i principi dell’agricoltura biologica, favorita dal fatto che questa varietà è naturalmente molto resistente alle principali malattie dell’ulivo.
Ci sono poi altri piccoli proprietari che hanno poche piante di quercetano, ma non in quantità tali da permettere al singolo di produrre autonomamente olio per il mercato. L’obiettivo del Presidio è incentivarli a raccogliere e frangere le olive collettivamente.

 

Area di produzione
Comuni di Camaiore, Pietrasanta, Seravezza, Forte dei Marmi per la provincia di Lucca e Montignoso e Massa per la provincia di Massa Carrara.

Stagionalità
Le olive sono raccolte a partire dal mese di ottobre, l’olio è commercializzato a partire da novembre.

 

Gli olivicoltori che partecipano a questa vetrina sono:

Ultima modifica: 23 Giu 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina