Sono oltre 90 i tipi di pasta fresca prodotti dal Pastificio Bolognese Muzzarelli di Torino. E sono ben 70 gli anni, compiuti nel 2019, di presenza sulla piazza torinese con linee di prodotto vendute al consumatore finale, nel laboratorio di via San Secondo 69, e alla maggioranza degli imprenditori della ristorazione torinese e del Nord Italia.

La produzione vanta un’ampia varietà di scelta: dalle paste ripiene alla pasta integrale o con farine speciali come il grano khorasan, dalla pasta corta/lunga alle tagliatelle, dagli gnocchi alle paste per momenti speciali come i cuoricini rossi per San Valentino, gli abetini verdi e gli agnoli di cappone per il Natale sino alle paste fresche senza uova.

Alla base c’è sempre l’utilizzo di prodotti freschi e stagionali (provenienti da fornitori esclusivi), la passione di una famiglia alla terza generazione – guidata dalle sorelle Cristina, Laura ed Elena con l’occhio attento e discreto del papà e patron Achille – e una sapiente creatività, elementi che caratterizzano la storia del pastificio.

La storia comincia nel dopoguerra quando la nonna Alda iniziò a produrre a Torino, in una piccola bottega, i tortellini a mano; da allora le innovazioni si sono susseguite anno dopo anno, sempre nel rispetto dell’ambiente e del territorio per offrire al consumatore un prodotto di alta qualità.

Le attrezzature e le tecnologie produttive utilizzate assicurano infatti ai prodotti il massimo controllo igienico sanitario in relazione al Decreto Legge 626/94 e al bollo C.E.E. (IT 9-1638/L C.E.). Un attento lavoro di pianificazione e autocontrollo in collaborazione con un laboratorio chimico affiliato al Pastificio, permette di certificare ogni singola lavorazione in uscita sia per l’Italia che per l’estero.

 

Contatti

TEL: +39 011591360

Info

Via San Secondo, 69
10128 Torino (TO)
Italia
Maestri del Gusto di Torino e provincia

Leggi tutto

Ultima modifica: 26 Set 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina