Pere Klotzen dell’Alpe Adria

Presidio Slow Food

Per Martin in Carnia, Klotzen o Doerrbirne in Carinzia, Tepka nelle vallate slovene di confine: più che di un’unica varietà, si tratta di una popolazione di peri delle vallate montane tra Italia, Austria e Slovenia.

I frutti, piccoli e tondi, si possono mangiare solo dopo l’ammezzimento, un procedimento di maturazione che cambia la consistenza della polpa, il colore e il sapore, eliminando l’effetto astringente. Una volta raccolte, quindi, le pere devono riposare in un luogo buio e fresco.

Successivamente inizia la fase dell’essiccazione: le pere non sono essiccate a fette, ma intere, per questo è necessaria una buona fonte di calore, come quella un tempo fornita dalle stube, le grandi stufe a legna tipiche delle case alpine dell’area.

Le pere klozen si mangiano tal quali oppure ridotte in farina o sminuzzate per la produzione del pane di pere. Rinvenuta in acqua, la loro polpa diventa l’ingrediente principale dei klotzennudeln o cjarsons, ravioli ripieni di pere e ricotta. Nelle valli è ancora viva la produzione di succo, sidro, distillato e liquori.

 

Contatti

TEL: +39 392 5011119 +43 699 10778746

Info


(UD)
Italia

Nella zona in cui si incrociano i confini del Friuli, della Carinzia e della Slovenia sopravvivono pochi esemplari di pero. Non esistono veri e propri impianti, gli alberi rimasti si trovano all’interno dei terreni di aziende agricole o in prati incolti. A Camporosso, a fine ’800, durante i lavori di costruzione della linea ferroviaria, è stato realizzato un viale alberato con gli alberi di pero, che si possono ancora ammirare a distanza di più di un secolo.

Il Presidio ha l’obiettivo di salvaguardare questa biodiversità attraverso un’opera di censimento, catalogazione e protezione delle piante ancora esistenti, lavorando al contempo per la messa a dimora di nuovi impianti. Si pone inoltre l’obiettivo di trasformare il prodotto fresco con la produzione di trasformati quali: pere secche (da usare come ripieno per klotzennudeln o cjarsons), sidro, liquori e distillati, puntando su uno sviluppo economico del territorio che leghi tradizione, paesaggio e turismo sostenibile.

 

Area di produzione
In Italia: comuni di Tarvisio, Malborghetto-Valbruna, Pontebba, Dogna, Chiusaforte, Resiutta, Resia, Moggio Udinese.
In Austria: comuni di Dellach, Gitschtal, Arnoldstein, St.Stefan im Gailtal, Kirchbach, Koetschach-Mauthen, Hermagor-Pressegersee

Supportato da
Regione Friuli Venezia Giulia

Ultima modifica: 25 Ott 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina