Nel paese medievale di Castellaro, nella verdeggiante valle Argentina, in provincia di Imperia, a pochi chilometri dalle sponde del mare della Riviera dei Fiori, si nasconde una piccola oasi verde, suddivisa in più appezzamenti per circa 10 ettari totali e composta da diversi uliveti di circa 1200 piante di antica Monocultivar Taggiasca su 2,5 ettari di terreno.

Aggiungete un bel vitigno esposto a sud est tra le colline di Castellaro e Pompeiana, in una soleggiata conca verdeggiante e bagnata da un ruscello, e una vigna più piccola, quasi nascosta nel centro storico del paese: il quadro è completo.

In questa meravigliosa oasi, la famiglia Donzella produce Olio Extravergine di Oliva da oltre un secolo.

La produzione è stata incrementata circa quarant’anni fa, grazie all’entusiasmo di Paolo Donzella, che decise di recuperare l’antica tradizione familiare nel proprio tempo libero, riscoprendo l’amore per la terra e per i doni che essa produce.
In questi ultimi anni ha preso le redini dell’attività sua figlia Elena, anche lei tornata alla terra natale dopo un cambiamento professionale.

Assaggiatore tecnico di primo livello presso l’ONAOO, Elena ha profuso impegno, passione e dedizione nella diffusione dell’olio EVO del Podere, inserendo nell’offerta anche nuovi prodotti tipici del territorio, come olive in salamoia e denocciolate sott’olio, pesto con aglio e senz’aglio, paté di olive, marmellate con i frutti del territorio.

Sostenuto da

Contatti

TEL: +39 3480114560

Info

Piazzale Fratelli Ruffini, 8
18011 Castellaro (IM)
Italia

Olio Extravergine d’Oliva

La varietà Taggiasca è tra le più apprezzate per la qualità e la delicatezza dell’olio oltre che per la bontà delle olive da tavola.
Gli ulivi del Podere Donzella sono distribuiti sul territorio in tre appezzamenti collinari – Loago, Zerni e Zotti – differenti per altitudine e, dunque, garanti di un diverso livello di maturazione e raccolta delle olive.

Raccolte esclusivamente a mano, le olive vengono molite entro 8 ore dalla raccolta con il supporto della più recente tecnologia, in selezionati frantoi della zona che lavorano il prodotto a ciclo continuo a freddo. In questo modo infatti si evitano processi di ossidazione, mantenendo alti il livello di polifenoli e di qualità.

  • Qual Gioia, Extra Vergine d’Oliva Monocultivar Taggiasca
  • Dolce AidaExtra Vergine d’Oliva Monocultivar Taggiasca DOP Riviera Ligure

Dolce Aida è il fiore all’occhiello dell’azienda: un fruttato leggero, maturo ed elegante all’olfatto. Dolce ma intenso, con note di mandorla e mela in chiusura, appena spremuto può essere definito come fruttato medio. La presenza delle note di amaro e piccante lo rendono prezioso in cucina e ideale da utilizzare, a crudo o in cottura, su piatti a base di pesce e verdura.

Vini

Bottiglie numerate a garanzia di una produzione limitata, oltre ad alcuni vini selezionati di aziende del territorio.

  • Moscatello di Taggia DOC Riviera Ligure di Ponente

Nobile e rinomato vitigno aromatico autoctono, celebre dal Medioevo fino al Rinascimento, poi quasi completamento perduto a causa della fillossera nel XIX secolo, è stato recentemente recuperato su iniziativa del viticoltore Eros Mammoliti e dell’enologo Gian Piero Gerbi. Il progetto ha visto protagonisti la Regione Liguria, l’Università di Torino, con il professor Gerbi e il CNR, e ha dato i natali all’Associazione Produttori Moscatello di Taggia.

DOC dal 2012, il vino è stato battezzato Il Dottor Antonio, in onore del nonno Antonio Donzella che raccontava orgoglioso ai nipoti la bellezza del suo paese, celebrata persino nell’omonimo romanzo del noto scrittore e patriota italiano Giovanni Ruffini, famoso nella seconda metà dell’Ottocento, nel quale si narravano le bellezze naturali della Liguria di Ponente, tra cui “il paesello” di Castellaro.

  • Pigato DOC Riviera Ligure – Riviera di Ponente,

Profumatissimo bianco da vitigni tipico locale.
Ormai conosciuto da diversi estimatori come L’Innominato, nasce da un vigneto situato accanto al Moscatello e molto probabilmente beneficia dei suoi caratteristici aromi.

 

 

Castellaro, il paesello più gaio del mondo (Giovanni Ruffini)

Ultima modifica: 07 Mag 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina