La Mora Romagnola è una razza suina autoctona che stava rischiando di scomparire: nel 1949 ne esistevano circa 22.000 esemplari, che si sono ridotti, a inizio anni ’90, a meno di 15 (li ha conservati miracolosamente un allevatore di Faenza, Mario Lazzari).

La Mora Romagnola si riconosce subito per il pelo marrone scuro che tende al nero (da cui il nome di “mora”), per il particolare taglio a mandorla degli occhi e per la presenza, soprattutto nei verri, di zanne molto lunghe, tali da renderli più simili a cinghiali che non a maiali veri e propri.

Con la diffusione degli allevamenti industriali è stata abbandonata perché cresce molto più lentamente e per la maggiore percentuale di grasso che caratterizza la sua carne, rispetto ad altre razze suine.
Come molte vecchie razze la Mora è vigorosa, predisposta all’ingrassamento e molto rustica, ideale per sistemi di allevamento all’aperto. Carni sapide, morbide ma compatte e “grassottelle”; queste le caratteristiche che contraddistinguono la Mora.

La macellazione dei suini avviene tutto l’anno per la produzione di carne fresca, ma solo nel periodo da autunno a primavera per la preparazione dei salumi.
Ottimi risultati si sono raggiunti utilizzandola per la produzione di salumi di pregio quali il Culatello o la Spalla cruda. Anche le tradizionali cotture casalinghe (arrosti, braciole, spiedini) bastano a esaltare i sapori e i profumi, ricchi e complessi, di questa carne.

Sostenuto da

Contatti

TEL: +39 338 6784019

Info


(RN)
Italia

Il Presidio vuole salvare dall’estinzione la Mora Romagnola.
L’associazione dei produttori del Presidio riunisce alcuni allevatori e trasformatori che impiegano le carni dei suini cresciuti nelle loro aziende per realizzare i salumi tradizionali di Mora Romagnola del territorio. Prodotti che uniscono alla eccellente qualità organolettica e qualitativa la sicurezza della filiera produttiva, con una particolare attenzione al benessere animale durante la fase di allevamento.

 

Area di produzione
Province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini.

Stagionalità
La macellazione dei suini avviene tutto l’anno per la produzione di carne fresca, ma preferibilmente nel periodo da autunno a primavera per la preparazione dei salumi.

 

Produttori

San Patrignano, Coriano (Rn), via San Patrignano 53, tel. +39 0541 362111 – 362362, fax +39 0541 756108, info@sanpatrignano.org, www.sanpatrignano.org

I Fondi di Lucio Zavatta, Novafeltria (Rn), Secchiano Marecchia, località Uffogliano, 154, tel. +39 338 4543583 /
+39 335 5286699, ellezeta78@hotmail.it

Germano Valmori, Faenza (Ra), via San Giorgio 21 int 8, tel. +39 333 4993103

Zavoli, Saludecio (Rn), via Pulzona 3678, tel. e fax +39 0541 858041 / +39 338 6784019, info@moraromagnola.eu,
www.moraromagnola.eu

Gabriele Delvecchio, Cesena (Fc), Via Madonna dell’Olivo, 105, tel. +39 0547 300770, salumi@delvecchio.it

Roberto Giorgetti, Bellaria Igea Marina (Rn), Via Pompili 11, tel. +39 0541347614, info@osteriadagianola.it

Ultima modifica: 30 Lug 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina