L’Associazione Produttori del Presidio del riso di Grumolo delle Abbadesse è costituita da tre aziende agricole impegnate nella coltivazione e nella salvaguardia della varietà di riso Vialone Nano storicamente legata a questo territorio tra Vicenza e Padova.

Questa pregiata varietà oggi sta purtroppo soffrendo poiché soppiantata da altri tipi di riso più produttivi e facili da coltivare; con la costituzione del Presidio nel 2000, Slow Food ha deciso di supportare queste aziende affinché continuino a preservare la qualità, la storicità e la zona di coltivazione di questo particolare riso. Come membri di Slow Food, i componenti dell’Associazione sono impegnati a seguire un preciso disciplinare di produzione, volto non solo a proteggere le colture ma a tutelare anche le persone e l’ambiente, seguendo le tre parole chiave “buono, pulito e giusto”. Tutti i passaggi, infatti, dalla coltivazione al confezionamento vengono seguiti minuziosamente per assicurare l’unicità e l’artigianalità del prodotto e far sì che diventi l’ingrediente essenziale nella preparazione di risotti e piatti di alta qualità.

Ma non è solo l’attività in campo a caratterizzare l’impegno dei produttori; le porte delle aziende sono infatti sempre aperte per attività didattiche e divulgative. Sono infatti numerosi i gruppi, sia italiani che esteri, che vengono accolti e istruiti sulla storicità della risicoltura nell’area di Grumolo e accompagnati a visitare le risaie al fine di promuovere il nome di Grumolo delle Abbadesse e del suo storico riso, sinonimo di qualità e tradizione, presso un pubblico interessato e via via sempre più vasto.

Produttori

Costantino Barban, Via Piave 10, Grumolo delle Abbadesse (VI), tel. +39 0444583649, www.barbancostantino.it, lidiabarban@virgilio.it

Federica Trevisan, Via Monache 14, Grumolo delle Abbadesse (VI), tel. 3387978599, www.risonatura.it, info@risonatura.it

Francesco De Tacchi, Via Garibaldi 64, Gazzo (PD), tel. +39 0495995067, www.detacchi.it, ufficio.commerciale@detacchi.it

Contatti

Info

via Garibaldi, 54
35010 Grantortino di Gazzo Padovano (PD)
Italia
riso di grumolo delle abbadesse

Leggi tutto

La zona di produzione
Il riso Vialone Nano di Grumolo delle Abbadesse Presidio Slow Food si coltiva attualmente nel distretto produttivo dei Comuni di Grumolo delle Abbadesse (VI) e Gazzo Padovano (PD). Tale areale è quello corrispondente ai possedimenti che le Monache Benedettine del Monastero di San Pietro di Vicenza hanno detenuto e governato per circa 800 anni (dall’anno 1000 fino all’espropriazione dei beni ecclesiastici in conseguenza delle leggi Napoleoniche).

L’introduzione della coltivazione del riso nell’antica Pieve di Grumolo delle Abbadesse si deve proprio alle monache che intorno al 1500/1600, grazie al beneplacito della Serenissima Repubblica di Venezia, hanno disboscato e bonificato i terreni semi-paludosi dando così inizio a una coltura allora innovativa. A tale scopo hanno inoltre modificato l’orografia del territorio scavando rogge e costruendo canali pensili ancora esistenti e tutt’ora utilizzati per la sommersione delle risaie. Tali canali, per la loro altezza rispetto al piano campagna, permettono all’acqua di arrivare dalle risorgive alle risaie senza contaminarsi.

Caratteri distintivi del riso
Il Vialone Nano dell’Associazione Produttori del Presidio del riso di Grumolo delle Abbadesse ha chicchi medio-piccoli (5mm) ed è sottoposto a un tipo di lavorazione delicata, con pilatura a pietra: per questo motivo appare più scuro e al contempo vengono maggiormente preservate le specifiche caratteristiche organolettiche che derivano dalla composizione minerale del substrato alluvionale del terreno su cui è coltivato.

Il Vialone cresce molto durante la cottura (il volume aumenta di circa 2,5/3 volte) e assorbe molto bene i condimenti. I risotti sono eccezionali: dal tradizionale risi e bisi (una minestra densa di riso e piselli) al risotto con i fegatini – il classico piatto dei pranzi di nozze in campagna – oppure con anguilla, scampi e seppie. Cuoce in circa 15 minuti.

Ultima modifica: 23 Ott 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina