La noce moscata Siaw è originaria della Reggenza delle Isole Sitaro, situata nella provincia settentrionale di Sulawesi. La varietà coltivata in questa regione è la specie Myristica Fragrans Houtt, nota per il suo aroma e sapore gradevole.

L’Indonesia è il più grande produttore mondiale di noce moscata di alta qualità. La noce moscata è indigena dell’Indonesia ed è coltivata sulle Isole Sitaro di generazione in generazione, tanto che la coltivazione della noce moscata in particolare rappresenta l’attività base e la principale voce economica per quasi l’80% della comunità locale, che sono anche piccoli proprietari di piantagioni. Si pensa che l’origine della varietà delle piante sia stata introdotta dai commercianti dell’isola di Banda dell’arcipelago delle Maluku.

L’associazione di produttori di noce moscata Siaw si chiama Lembaga Perlindungan Indikasi Geografis Pala Siau (LPIG-PALA SIAU). I membri dell’organizzazione sono costituiti da 4.590 coltivatori di noce moscata e da comunità domestiche locali, raccoglitori di noce moscata, commercianti ed esportatori. Attualmente solo 16 aziende private sono registrate come membri e sono commercianti. L’Associazione è detentrice ufficiale dell’Indicazione Geografica associata alla Noce Moscata Siaw.

La partecipazione della Noce Moscata Siaw a Terra Madre è sponsorizzata da ARISE+ Indonesia, un programma di assistenza tecnica finanziato dall’Unione Europea che mira a rafforzare la capacità delle istituzioni governative e degli stakeholder in diverse aree del commercio internazionale, della competitività del settore privato e del contesto imprenditoriale.

Per garantire che le vostre eventuali richieste di informazioni siano debitamente seguite, vi suggeriamo di copiare la Sig.ra Sitti Fatmawati ai vostri email: sitti.fatmawati@cardno.com.

Contatti

TEL: +62 823 496 955 11 / +62 821 967 724 40

Info

Mr Ronnal Marthin, Chairman, LPIG-PALA SIAU, Kelurahan Tarorane
Kecamatan Siau Timur (Sulawesi Utara)
Indonesia
La noce moscata Siaw è coltivata in modo biologico e senza l’uso di fertilizzanti artificiali o pesticidi.
Il terreno è molto fertile a causa delle ceneri vulcaniche rilasciate dal Monte Karangetan. Inoltre, la regione ha un andamento delle piogge che varia nel corso dell’anno, con un picco tra novembre e febbraio.

Ultima modifica: 26 Feb 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina