Tutti i mercoledì. Diario di Terra Madre 10-17 marzo

08 Marzo 2021

Imperterrita, continua la programmazione di Terra Madre nella seconda settimana di marzo. Quel che abbiamo in programma sono numerosi video dei format più conosciuti da chi ci segue: i Come si fa?, i Food Talk e Le cose che abbiamo in comune. Per quest’ultimo format, gli ospiti della settimana saranno Max Casacci e Mario Tozzi, in un dialogo tra natura, suoni e vulcani superinteressante.

A chi vuole e può seguire appuntamenti in diretta, ma senza interpretariato, ne segnaliamo tre in inglese, il 10, l’11 e il 15 marzo. Gli argomenti in campo sono molti: il Mediterraneo, i fiumi, e il programma Fao Giahs, con un focus sull’America Latina.

Partiamo col segnalarvi due Laboratori del Gusto con kit, che non rientrano nella settimana in corso. Lo facciamo per il semplice fatto che i biglietti vanno acquistati per tempo. Il laboratorio sul gin, ad esempio, ha come scadenza per l’acquisto l’11 marzo.

18 h. 19 e 24 marzo h. 14 – I Laboratori del Gusto sul gin e sul sakè

A marzo non vi facciamo mancare neppure i Laboratori del Gusto! Con kit, che vi sarà spedito a casa, oltre al link per seguire la degustazione guidata dagli esperti. Entrambi i Laboratori sono organizzati da Compagnia dei Caraibi in collaborazione con Slow Food. Perché ve li segnaliamo adesso? Semplicemente perché, per poterci dare il giusto tempo per spedirli, il kit sul gin va acquistato entro l’11 marzo e quello sul sakè entro il 21 marzo.

Se volete maggiori informazioni sui costi e la composizione dei kit, cliccate qui.

I Food Talk della settimana: Gilles Fumey e John Kiwagalo

Gilles Fumey, professore di geografia culturale dell’alimentazione, approfondisce il tema della storia e delle origini del terzo pasto. La colazione è un pasto che si è diffuso in tutto il mondo, ma che merita di essere esaminato meglio per comprendere davvero come lo affrontiamo ogni mattina. Che storia ha la colazione? E come si è affermata questa abitudine? Nei tempi antichi, Greci, Romani ed Egizi mangiavano di rado al momento del risveglio. Consumavano invece un pasto a metà mattinata per spezzare il digiuno. Il secondo pasto era invece la cena, a 10 ore dal risveglio.

Potete vedere la Food Talk di Gilles Fumey dal 10 marzo alle 15, e poi sempre sul nostro sito, a questo link.

In tutto il mondo Slow Food fioriscono iniziative volte a garantire a tutte le persone l’accesso a un cibo sano e di qualità. In Uganda, ad esempio si è molto lavorato su un progetto noto come il Parlamento del cibo. In Uganda sono ancora numerosi i problemi di accesso a un cibo sano, soprattutto per le fasce più fragili della popolazione. Vaste aree del Paese, inoltre, sono occupate da monocolture come la canna da zucchero, che stanno rapidamente soppiantando le coltivazioni locali, danneggiando la biodiversità e l’ambiente. Oltre a non costituire una fonte di reddito per la maggior parte delle persone. Iniziative come il Parlamento del cibo mirano a sensibilizzare la popolazione su queste tematiche e a determinare una presa di coscienza collettiva. A parlarcene è John Kiwagalo, leader dello Slow Food Network Uganda.

Potete vedere la Food Talk di John Kiwagalo dall’11 marzo alle 15, e poi sempre sul nostro sito, a questo link.

11 marzo h. 18:30 – Le cose che abbiamo in comune propone il dialogo tra Max Casacci e Mario Tozzi

Continua la serie di Le cose che abbiamo in comune. Vi aspettiamo online, l’11 marzo alle 18:30 con un incontro molto interessante, tra il musicista Max Casacci e il geologo e divulgatore Mario Tozzi. L’elemento di comunanza è il lavoro Earthphonia, scritto a quattro mani – con numerosi altri contributi scientifici e non – e pubblicato per Slow Food Editore. Non sapete di cosa si tratta? Cerchiamo di ispirarvi con queste parole, riprese dall’introduzione:

«Ci sono versi di animali che diventano strumenti solisti, talvolta senza alcun tipo di modificazione. Ci sono gocce di acqua di torrente, pietre percosse, pulsazioni vulcaniche, tuoni, onde dell’oceano, battiti d’ali trasformati in ritmo o in tessitura armonica. C’è il suono delle radici delle piante, perché le piante sono in grado di ascoltare e di emettere suoni, come potrete scoprire, assieme a tante cose stupefacenti che ho appreso e collezionato in queste pagine. C’è il canto di una balena che diventa un pianoforte e ronzii di insetto, cori di pesci, folate di vento che, intonate, equalizzate, armonizzate o distorte, vanno a comporre un’idea di sinfonia del Pianeta. Earthphonia vorrebbe essere proprio questo».

Ascoltiamo dunque questo dialogo, per parlare dei suoni della natura ma anche per approfondire quelli che sono i nostri atteggiamenti nei confronti della natura stessa.

Puoi vedere l’incontro collegandoti a questo link oppure sulla homepage del sito o ancora sulla pagina Facebook di Slow Food Italia. Ti aspettiamo l’11 marzo, alle 18:30!

11 marzo, h. 10:30 – La ricerca intorno al cibo – Il packaging sensoriale

MatTo

Se siete interessati al tema del packaging, non perdetevi il quarto di una serie di incontri a cura di MatTo, la Materioteca del Politecnico di Torino e della Camera di Commercio di Torino. Questo incontro è dedicato al tema delle anticipazioni sensoriali, al ruolo di vista, udito, tatto nel packaging, ed approfondirà dagli strumenti per la degustazione alla percezione del lusso nel packaging, con una selezione di ospiti sui temi del packaging che anticipa, svela e attrae.

Per partecipare all’incontro è necessario iscriversi entro il 10 marzo. Trovate tutte le informazioni a questo link.

I “Come si fa?” le quattro proposte della settimana

Come sempre, è ricca la settimana sul fronte dei Come si fa? Ecco in cosa potrete cimentarvi o le tecniche di lavorazione che potrete apprendere:

  • dalla Giordania, due preparazioni tipiche delle aree rurali, ossia il qors al-nar – ossia il “pane di fuoco”, realizzato con farine integrali e cotto pazientemente sulla cenere di carbone – e il samneh – e il ghee locale, di cui ci viene mostrata la preparazione fin dalla mungitura delle capre e attraverso i diversi passaggi;
  • dall’Emilia Romagna, una nuova ricetta artusiana, la 709, le pere in due consistenze, da abbinare preferibilmente a un bicchiere di Albana passito;
  • sono liguri i raviolini cervella ed erbette in brodo, una ricetta ottima da gustare, e ottima pure per contrastare lo spreco alimentare;
  • infine è un ponte tra Marche e Stati Uniti la pasta e patate con frutti di mare e zafferano, cucinata con molti prodotti dell’Arca del Gusto e dei Presìdi. Ad offrirci questa deliziosa ricetta è il Pastificio di Martino, partner di Terra Madre.

Gli eventi delle Condotte

Vi segnaliamo, consigliandovi di approfondire ai singoli link, se volete maggiori informazioni:

Tre Forum senza interpretariato in italiano che vi consigliamo di seguire

10 marzo h. 14: Il Mediterraneo: verso un sistema equo e sostenibile

Un nuovo progetto volto a ridurre la “distanza” tra produttori e consumatori, nonché a informare entrambi i gruppi sulle implicazioni della produzione e del consumo di cibo per il pianeta. Il progetto mira a invertire la situazione ingiusta in cui versano i piccoli produttori e a promuovere sistemi alimentari di filiera migliori per le persone e per il pianeta.

Per partecipare all’incontro, per registrarti e per saperne di più, apri questo link. L’incontro si svolge in lingua inglese.

11 marzo h. 17: I fiumi connettono il mondo – I fiumi del salmone

I salmoni sono creature magiche che uniscono terra e oceano attraverso il loro incredibile ciclo vitale. Nascono in freschi corsi d’acqua dolce e poi migrano verso gli oceani dove si trasformano in pesci d’acqua salata. Raggiunta l’età adulta, intraprendono un epico viaggio di ritorno per deporre le uova e morire. La corsa del salmone nutre l’intero ecosistema: sia la fauna selvatica sia le comunità umane banchettano grazie alla loro migrazione stagionale. Anche quando muoiono, contribuiscono a ricostituire la fertilità del bacino fluviale.

Per partecipare all’incontro, per registrarti e per saperne di più, apri questo link. L’incontro si svolge in lingua inglese.

15 marzo h. 15:30 GIAHS e la diversità bioculturale in centro e sud America

Il programma Fao sul patrimonio agricolo mondiale (Giahs). Nella cornice di Terra Madre Salone del Gusto è previsto un ciclo di quattro webinar e un convegno digitale destinati alla rete Slow Food nel mondo (delegati di Terra Madre, comunità e convivium Slow Food, produttori che partecipano al marketplace dell’evento…), che hanno lo scopo di illustrare obiettivi e potenzialità del Programma GIAHS della FAO per lo sviluppo sostenibile delle aree rurali.

Oltre che in inglese, l’incontro si svolge anche in portoghese e in spagnolo. Per partecipare, registrarsi e saperne di più, apri questo link.

Le mani in pasta: i corsi di cucina con le Cesarine

E come sempre le Cesarine, con un fiume di proposte di corsi online. Impara a cucinare le paste fresche regionali più famose della tradizione italiana con le Cesarine, prenotando una lezione di cucina online interattiva di gruppo. Vere e proprie custodi di un patrimonio enogastronomico sommerso, a dicembre le Cesarine aprono le porte delle loro case – fisicamente e virtualmente grazie ai canali online – per condividere e insegnare, a persone di tutto il mondo, le ricette locali tramandate di generazione in generazione nella propria famiglia, promuovendo un turismo enogastronomico responsabile e i prodotti tipici del territorio.

Scopri tutti i corsi di cucina in calendario e impara a realizzare tortelloni, cavatelli, trofie, farfalle e molti altri formati.

di Silvia Ceriani, info.eventi@slowfood.it

Non ti basta questa guida? Scopri tutti gli eventi in programma!